Notre Dame

Non vorrei che questa volta il buon Dio se la prendesse davvero col suo rappresentante in terra, e scagliasse qualche fulmine sulla cupola michelangiolesca di San Pietro. No, per carità! Ha già provveduto a suo tempo il vicario a far guasti, facendo proiettare sulla facciata della basilica vaticana immagini “ecologiche”. Per fortuna le immagini proiettate, a differenza dei graffi alle figure affrescate dei santi, non lasciano traccia.

Leggi tutto

Le ragioni del papa

Ho un sogno. Che un papa davvero santo e intelligente abbia il coraggio di proclamare: “A noi non interessa quello che dicono le leggi dello Stato: che sia ammesso il divorzio, che siano consentite le unioni omosessuali, che l’aborto sia considerato un diritto della donna, e via di seguito. Sono cose di questo mondo, e il regno di Dio non è di questo mondo. Però chi vuol rimanere dentro la Chiesa sappia che deve accettarne integralmente la dottrina e la morale. Volete andarvene anche voi?”

Leggi tutto

La vera merda è lo Stato

Che cosa succederebbe in un contesto anarchico (nel senso nobile)? Chi gestisce una rete stradale ne sarebbe anche proprietario. Crolla un ponte? La responsabilità è sua e ne paga tutte le conseguenze. Non può dire che il ponte è di un altro, e che gli è stato consegnato così. Il proprietario risponde dei vizi della cosa posseduta che eventualmente provochino danni a terzi. Se io sono proprietario di un immobile e una lastra di marmo del rivestimento esterno cade su un passante accoppandolo, non posso giustificarmi dicendo che è stata una fatalità. Probabilmente quella lastra non era applicata a regola d’arte. Potrò poi denunciare l’impresa edile che ha eseguito i lavori, la quale a sua volta potrà infliggere sanzioni all’operaio che ha lavorato in modo maldestro; ma la mia condanna per omicidio colposo non me la toglie nessuno.

Leggi tutto