Contributi volontari, non tasse! Le cose stanno davvero cosi?

Contributi volontari, non tasse! Ma le cose non stanno così. Le contribuzioni sono aggiuntive, non alternative. Il che significa che il cittadino per un medesimo servizio viene a pagare di più, con la pia speranza di poterlo migliorare. È come pagare di più un monopolista per avere merce migliore. Altra cosa potersi rivolgere ad agenzie concorrenti, che avrebbero tutto l’ interesse a offrire i servizi migliori per non perdere la clientela.

Leggi il seguito

Se i fatti ci danno torto, tanto peggio per i fatti

[…] Visto che la politica, con i suoi reggicoda, è maestra di menzogne, vuole riservarsene il monopolio, come si riserva quello della violenza e della giustizia. Ecco il significato vero di una recente proposta di legge che vieta di immettere in rete contenuti in forma anonima, facendo obbligo alle piattaforme informatiche di registrare le generalità degli utenti chiedendone il nome anagrafico, l’indirizzo di posta elettronica e il codice fiscale. Capito? E’ il Grande Fratello che avanza. Io posso dire tutte le balle che voglio, ma se un altro dice balle, lo pizzico. Il monopolio delle balle deve rimanere allo Stato. Come uno per difendersi da un’aggressione deve chiamare i carabinieri, così per abbeverarsi di balle deve rivolgersi alla politica e ai suoi manutengoli. […]

Leggi il seguito