La logica aristotelica non è pane dei giuristi.

ensate al risibile concetto di diritto-dovere, come ad esempio la frequenza scolastica. Che cos’è il diritto? E’ la facoltà di compiere una determinata azione o una serie di azioni. Ad esempio, il diritto di proprietà mi consente di vendere, regalare, trasformare, distruggere un bene di cui dispongo. Mi consente, non mi obbliga! Il diritto appartiene al campo della libertà. Che cos’è un dovere? E’ l’obbligo di compiere (o non compiere) una determinata azione. Ad esempio, pagare le tasse, prestare servizio militare, astenersi dal percorrere una strada in un determinato senso o dal fare schiamazzi notturni. Mi obbliga, non mi consente! Il dovere appartiene al campo della necessità. Necessità e libertà sono agli antipodi, dove c’è l’una non ci può essere l’altra, per la contradizion che no’l consente, come non ci può essere un cerchio quadrato o un triangolo con quattro angoli.

Leggi il seguito

Tullio De Mauro e la scuola democratica

Qualcuno c’è cascato, ha adottato la didattica democratica; dalla scuola sono usciti analfabeti che a loro volta sono andati a insegnare, sfornando analfabeti di secondo grado, che hanno prodotto analfabeti di terzo grado. E’ notizia di questi giorni: i professori universitari ormai sono ridotti a fare i maestri elementari, correggendo nelle tesi di laurea non il pensiero e le argomentazioni, ma la punteggiatura e gli errori ortografici.

Leggi il seguito